Annunciazione

annunciazione

Rinnovando radicalmente l’iconografia della scena, Lotto raffigura infatti la Vergine in atto di volgersi verso lo spettatore, al fine di renderlo partecipe dello smarrimento suscitato dall’improvvisa incursione nella sua stanza dell’Angelo annunciante che, con i capelli ancora sollevati dal vento, si rivolge a Lei con uno sguardo concentrato, indicando con un gesto perentorio il “mandante” della sua decisiva missione, vale a dire il Padreterno.

L’episodio risulta così restituito in tutta la sua folgorante immediatezza, come in un’istantanea capace di rivelare le più intime reazioni emotive dei protagonisti e di fissare con sguardo attento la verità quotidiana dell’avvenimento, evocata non solo dalla descrizione analitica degli oggetti e degli arredi domestici che connotano la camera di Maria (dall’inginocchiatoio sul quale è posta la Vergine, alla clessidra appoggiata sullo sgabello in secondo piano, ai libri collocati sullo scaffale), ma anche dal sorprendente dettaglio del gatto che fa capolino al centro della scena, spaventato anch’esso dall’arrivo inaspettato dell’Angelo.

Un accento di verità quel gatto che ha un precedente a Loreto nel rivestimento marmoreo della Santa Casa. Nell’episodio dell’Annunciazione che compare sul lato ovest del sacello, Andrea Sansovino negli anni 1521-’23 introduce un gatto che si volta a guardare quello che succede alle sue spalle.

Nonostante il tono del Sansovino sia molto più compassato di quello del Lotto e la posizione del gatto sia molto più marginale rispetto al nucleo della composizione, è evidente che la funzione attribuita all’animale sia la stessa.

Informazioni e Prenotazioni: Tel. 071 7570410 - Fax: 071 7575698 - E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Via Gregorio XII 62019 Recanati