ceccaroni_loretoSabato 15 settembre alle ore 17:00 è in programma l’inaugurazione del nuovo allestimento permanente del museo civico di Villa Colloredo Mels con una mostra dedicata a Rodolfo Ceccaroni, le cui opere sono state donate nel 1981 al Comune di Recanati. All’inaugurazione interverranno Gabriele Barucca, Giancarlo Bojani, Stefano Papetti, il sindaco Francesco Fiordomo e l’assessore alle culture Andrea Marinelli. La scelta di allestire, in modo stabile, le ceramiche al Museo Civico di Villa Colloredo Mels e’ stata fortemente voluta per restituire alle opere del grande artista recanatese quella visibilità che indubbiamente meritano e che l’attuale collocazione presso il Palazzo Comunale non riusciva a garantire.

Rodolfo Ceccaroni nasce nel 1891 a Recanati da una nobile famiglia e, dopo essersi diplomato a Roma presso l’Accademia di Belle Arti, inizia gli studi artistici seguendo la sua vera vocazione. Dopo aver lavorato come ceramista nelle manifatture di Grottaglie e Sesto Fiorentino sceglie la ceramica come principale mezzo espressivo e nel 1917 costruisce, negli scantinati del palazzo gentilizio di famiglia, il primo forno a legna per la cottura dei manufatti. Inizia così una lunga storia che attraversa tutto il Novecento in cui, con instancabile passione, Ceccaroni si fa narratore della sua città, delle sue tradizioni, trasformando Recanati in una straordinaria allegoria del mondo. Nel 1936 ha esposto le sue opere alla VI Triennale di Milano ed ha ottenuto importanti riconoscimenti partecipando a diverse edizioniceccaroni_nel forno del premio Deruta. Muore a Recanati nel 1983.

La sua profonda spiritualità e intelligenza lo hanno tenuto lontano dalla semplice decorazione portando nelle sue opere uno stile e una poesia inconfondibili, che insieme all’elevata qualità tecnica ne fanno un maestro della ceramica e artista di prim’ordine. Oggi le  sue opere sono esposte in importanti collezioni tra cui il Museo della Ceramica di Faenza e il Museo Antico Tesoro della S. Casa di Loreto.